homepage
Penalità ‘231’ a misura di dipendente
Patrizia Maciocchi - Il Sole 24 Ore - pag. 28
Cresce la responsabilità da ‘231’ se il reato è commesso da una figura apicale della società che non ha adottato un adeguato modello organizzativo. Con la sentenza n. 54640 la Corte di cassazione ha respinto il ricorso presentato da una Spa, coinvolta nel reato di tentata corruzione commesso dal responsabile di un suo centro operativo, che lavorava a stretto contatto con la Pa, elargendo delle somme a pubblici funzionari per mantenere ‘buoni rapporti’. Somme inserite tra le spese di rappresentanza. La Cassazione conferma la responsabilità dell’azienda in base all’art. 5 del Dlgs 231/2001. Per allontanare la sanzione serve la prova di aver predisposto modelli efficaci. Secondo i giudici i rischi di condotte illecite vanno prevenuti anche in base al tipo di impresa.
Dottrina per il Lavoro Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza a favore dei Ragionieri e Periti Commerciali Registro Revisori Legali Directio Il network degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Associazione Formazione Professionistib Fondazione Nazionale dei Commercialisti Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Ascoli Piceno C.F.: 92045280440 P.I.:02092700448
CODICE UNIVOCO FATTURAZIONE ELETTORINCA:UF2JBZ

visitatore n° 733027
C.F.: 92045280440

CORSO MAZZINI 151, - 63100 - ASCOLI PICENO

telefono: 0736261994 - 0736257323 fax: 0736261994 - 0736257323

email: segreteria@odcecascolipiceno.it

PEC: ordine.ascolipiceno@pec.commercialisti.it


URP

Privacy

Note legali


site by metaping

admin   formaz